Come capire se il bambino ha problemi di udito

Come capire se il bambino ha problemi di udito

Come capire se il bambino ha problemi di udito

L’udito è il primo senso che si sviluppa nel bambino, quando è ancora all’interno del grembo materno. Proprio tramite l’udito, il feto, e poi il bambino, inizia a ricevere informazioni importanti per conoscere il mondo intorno a lui, per parlare e per stimolare la crescita e lo sviluppo neurologico.

Ecco le diverse fasi dello sviluppo dell’udito di un bambino:

• Zero-due mesi

Appena nato, il bambino è già in grado di sentire tutto, in particolare i suoni più acuti: per questo è bene prestare attenzione ai rumori intorno a lui, riducendo il più possibile i rumori forti e improvvisi e il rumore di fondo.

Per garantire un corretto sviluppo dell’udito, inoltre, è importante parlare al bambino, fargli ascoltare musica e proteggere il suo ciclo del sonno.

• Tre mesi

Il cervello del neonato è ancora in via di sviluppo, in particolare la sede che si occupa dell’udito e del linguaggio, cioè il lobo temporale. A questa età il bambino riconosce la voce degli adulti, sente suoni di tonalità diverse e inizia ad emettere i primi gorgoglii.

• Quattro mesi

In questa fase il bambino tenta di imitare le parole pronunciate dagli adulti e inizia a muovere la bocca provando a copiare i movimenti, eccitandosi quando sente suoni a lui familiari e spaventandosi per i rumori forti.

• Sei mesi

I gorgoglii emessi dal bambino di sei mesi iniziano ad assomigliare sempre più alle parole, e lui inizia a capire la fonte da cui provengono i suoni e a voltarsi in quella direzione. Riesce anche a capire di poter produrre rumori e cercherà di generare suoni forti, ad esempio buttando a terra o sbattendo oggetti.

• Otto-nove mesi

A questa età il bambino comincia a collegare le parole alla gestualità.

• Dodici mesi

Al compimento di un anno di vita, il bambino riconosce il suono del proprio nome e si gira se viene chiamato, è in grado di riconoscere melodie e canzoni e di associare suoni e parole a oggetti specifici. Inoltre, inizia la fase della lallazione. Il processo di sviluppo di questa parte del cervello prosegue fino ai 12 anni di età.


FONTE: SOSPEDIATRA:ORG

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.